IODA è stata fondata alla fine del 2019 da Jennifer Green, presidente dell'Associazione ortopedica australiana (AuOA) dell'associazione ortopedica delle donne (OWL). IODA è nato dagli sforzi stimolanti di "Vivian" PC Chye, presidente della Malaysian Orthopaedic Association (MOA), Kristy Weber, presidente dell'American Academy of Orthopaedic Surgeons (AAOS) e Anthony "AJ" Johnson, presidente del comitato consultivo per la diversità dell'AAOS, per avanzare l'inclusione delle donne e delle minoranze sottorappresentate nella chirurgia ortopedica.
Vivian PC Chye

Vivian PC Chye , in qualità di presidente della Malaysian Orthopaedic Association (MOA) 2018-2019, ha fatto una forte campagna per promuovere le donne in ortopedia in Asia. Una componente della sua strategia è stata la presentazione di dati provenienti da più di 20 nazioni dell'Asia del Pacifico sulla rappresentanza delle donne in ortopedia. Questo progetto ha portato Vivian PC Chye a connettersi con Jennifer Green , AuOA OWL Chair e ha anche costituito la base della prima pubblicazione di IODA sul Journal of Trauma & Orthopaedics per celebrare il lancio della Strategia per la diversità della British Orthopaedic Association in occasione della Giornata internazionale della donna, marzo 2020.

jennifer-thumb_edited.jpg

Kristy Weber , in qualità di presidente dell'AAOS 2019-2020, stava contemporaneamente promuovendo la diversità e condividendo idee con Vivian PC Chye mentre le loro strade si incrociavano in occasione di incontri internazionali, ponendo le basi per una collaborazione globale. Nel giugno 2019, Jennifer Green è stata invitata a partecipare al Leadership Meeting dell'American Orthopaedic Association (AmOA) per presentare la Strategia sulla diversità AuOA al Consiglio AmOA. È stato durante l'incontro dell'AmOA che è emersa l'opportunità di incontrare e osservare in azione diversi sostenitori chiave della diversità negli Stati Uniti, tra cui Kristy Weber , Mary O'Connor , Anthony "AJ" Johnson , Matt Schmitz e Jennifer Weiss che sono diventati i primi sostenitori del concetto IODA.

AJ Johnson

AJ Johnson in qualità di presidente del Comitato consultivo sulla diversità dell'AAOS ha parlato con passione all'AmOA e con una profondità non solo di esperienza personale, ma anche di approfondimenti basati sull'evidenza delle sfide e delle potenziali soluzioni per aumentare la rappresentanza e l'inclusione delle minoranze sottorappresentate nella chirurgia ortopedica . L'esperienza degli Stati Uniti ha indicato che il lavoro di un gruppo di difesa della diversità globale non dovrebbe solo difendere le donne ma tutti i gruppi sottorappresentati in ortopedia.

La strategia sulla diversità della British Orthopaedic Association (BOA) è stata sviluppata contemporaneamente e ha beneficiato della collaborazione con l'AuOA e degli insegnamenti trasmessi dal simposio sulla diversità dell'AmOA 2019. Giles Pattison , Simon Fleming (il primo membro Trainee di IODA), Caroline Hing e Deborah Eastwood dal Regno Unito erano tutti interessati a partecipare a un gruppo di advocacy multinazionale.

Il concetto di creare un'alleanza di chirurghi ortopedici che collaborano oltre i confini nazionali e continentali per promuovere la diversità e l'inclusione nella chirurgia ortopedica

era una progressione naturale.

Li Fellander-Tsai (vicepresidente EFORT e past presidente svedese dell'OA), Deborah Eastwood (vicepresidente della BOA), Birgitta Ekstrand (presidente svedese dell'OA), Laurie Hiemstra (vicepresidente canadese dell'OA), Annette Holian (vicepresidente dell'AuOA), Ian Incoll , (Past President AuOA), Katre Maasalu (President OA estone), Chris Morrey (AuOA 2nd Vice President) e Adriaan van Zyl (Past President South African OA) hanno fornito una grande profondità di leadership e ulteriore gravità a IODA. Ian Incoll e Adriaan van Zyl avevano fortemente sostenuto la diversità di genere e culturale in ortopedia durante il loro mandato presidenziale e hanno anche pubblicato insieme sull'argomento.

Caroline Hing (Regno Unito), Laurie Hiemstra (Canada) e Jennifer Green (Australia) sono state le protagoniste della prima pubblicazione su invito di IODA in occasione della Giornata internazionale della donna 2020 " Diversità: donne in chirurgia ortopedica - una prospettiva dall'International Orthopaedic Diversity Alliance " nel Journal di Trauma e Ortopedia . Hanno collaborato Dafina Bytyqui (Kosovo), Margaret Fok (Hong Kong), Elham Hamdan (Kuwait), Magaly Iñiguez (Cile), Carrie Kollias (Canada/Australia), Philippe Livernaux (Francia), Violet Lupondo (Tanzania) e Margy Pohl ( Nuova Zelanda).